Il progetto ha l’obiettivo generale di migliorare la sostenibilità dei porti commerciali contribuendo alla riduzione dell’inquinamento acustico, attraverso la redazione di studi, la realizzazione di piccole infrastrutture e sistemi per la mitigazione del rumore e la valutazione della loro efficacia. Strumenti, questi, replicabili in tutte le realtà portuali dell’area di cooperazione. Ciò consentirà di studiare e mitigare gli effetti delle principali fonti di disturbo generate dai porti (traffico dei mezzi pesanti e generatori di navi ed imbarcazioni di vario genere) a beneficio della popolazione residente nelle aree urbane limitrofe. Alla base degli interventi è prevista un’indagine acustica e una rilevazione delle segnalazioni della cittadinanza pervenute agli enti gestori dei porti e alle istituzioni pubbliche preposte.

Allo stesso tempo, al fine di operare in una maniera corretta ed efficiente, RUMBLE applicherà una strategia di monitoraggio:

  • sull’efficacia delle opere di mitigazione realizzate con i fondi del progetto nelle aree pilota di Cagliari, Livorno e Ajaccio;
  • sull’efficacia di un’opera di ampie dimensioni già realizzata con fondi propri nel Porto di Genova;
  • sulla definizione dei migliori interventi da realizzare in futuro nel porto dell’area Metropolitana di Nizza.

Le attività di comunicazione prevedono focus group ed eventi dedicati al coinvolgimento dei target group in tutte le fasi del progetto, anche per validarne i risultati, tra questi, Enti pubblici competenti di pianificazione e monitoraggio acustico, imprese portuali e cittadinanza. La replicabilità e la trasferibilità del progetto in altre realtà portuali sarà garantita a livello transfrontaliero dal Network con i capofila degli altri progetti, a livello europeo dalle presentazioni svolte dai partner negli eventi istituzionali, ma anche dalle Università partner presso la Comunità scientifica internazionale.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca