Gli scali del Sistema Sardegna approdano alla Casa dei Porti dell’Italian Cruise Day 2021

 In news

L’attività promozionale dell’AdSP del Mare di Sardegna ritorna finalmente in presenza con l’esordio, post pandemia, nell’Italian Cruise Day 2021. Novità, rispetto al passato, l’adesione alla Casa dei Porti, vetrina per gli scali crocieristici italiani e prima occasione, a distanza di quasi due anni, di incontro e business con i principali players del settore. Appuntamento al quale il Sistema portuale della Sardegna, tra i più complessi nel panorama nazionale, si presenta nella nuova e recente conformazione di 8 scali: Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano, Portovesme, Santa Teresa Gallura e Arbatax. Realtà con differenti vocazioni e posizioni, retti da una governance unitaria, quella dell’AdSP del Mare di Sardegna, appunto, presieduta dal riconfermato Presidente Massimo Deiana. Con un’estensione globale pari a circa 30 chilometri di banchinamenti, e spazi a terra per oltre 1 milione e mezzo di metri quadri, il sistema portuale isolano continua a registrare, nonostante le contingenti limitazioni alla mobilità, imponenti livelli di traffico, posizionandosi al vertice delle portualità italiane nel settore delle merci, con una media di 48 milioni di tonnellate l’anno, e al primo posto assoluto per numero di passeggeri oltre le 20 miglia nautiche, pari a quasi 5 milioni di unità. Particolare rilievo, nella complessa organizzazione, continua a rivestire il mercato delle crociere che, dal 2017 ad oggi, nonostante la battuta d’arresto generata dalla pandemia, ha registrato circa 1 milione e 600 mila crocieristi, confermandosi, ancora una volta, tra le mete più ambite del Mediterraneo. Un’offerta diversificata di infrastrutture ed escursioni sul territorio, unite al coordinamento di una cabina di regia unica, quale, appunto, quella dell’AdSP del Mare di Sardegna, hanno, in brevissimo tempo, generato un vero e proprio “sistema a compensazione” per le fluttuazioni fisiologiche di mercato, con una redistribuzione costante dei traffici crocieristici tra i vari scali della circoscrizione. Se, infatti, lo scalo di Cagliari ha subito, negli ultimi anni, una flessione rispetto al boom del 2017, altri scali di competenza hanno integrato e compensato il calo con importanti margini di crescita a due cifre. Inedita, nello scenario italiano, l’esperienza del multiscalo su porti di unica competenza. Fenomeno che si rivela, ancora una volta, vincente; basti pensare alle ultime due tappe consecutive del 26 e 27 ottobre scorso su Arbatax e Cagliari della nave da crociera Clio (compagnia Grand Circle Cruise Line). Dai risultati sul campo e dalle analisi del focus redatto proprio da Risposte Turismo, dal titolo “Crocieristica in Sardegna: due possibili fronti di lavoro”, il sistema portuale sardo continua a presentarsi fortemente competitivo, riuscendo a registrare anche tre toccate nave consecutive nello stesso itinerario. Una nuova tendenza che, nonostante la pronta risposta dei porti, richiede al territorio – come evidenziato nell’analisi di Risposte Turismo – nuove proposte per tenere alto l’appeal ed estendere la “stagionalizzazione” del mercato. Proprio in questa direzione, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna ha aderito alla Casa dei Porti dell’edizione 2021 dell’Italian Cruise Day di Savona. Un’occasione per riportare nuovamente sul piano delle relazioni umane, e non più esclusivamente virtuali, l’intensa attività di promozione degli scali di competenza, presentando al mercato delle crociere la novità assoluta, nata dall’ingresso nella circoscrizione del sistema portuale sardo, del porto di Arbatax. “Ripartiamo, con grande entusiasmo, con l’attività di promozione sul campo, attraverso una presenza istituzionale nella vetrina, tutta italiana, della Casa dei Porti e ad un appuntamento, l’Italian Cruise Day, che, oggi più che mai, rappresenta un’occasione di profonda analisi e riflessione sull’industria delle crociere e sulla ripartenza dei porti  – spiega Massimo Deiana, Presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna -. L’AdSP del Mare di Sardegna, nonostante le difficoltà contingenti, non ha mai interrotto la propria attività promozionale, tantomeno l’operatività negli scali, registrato una graduale, ma fondamentale, ripresa del settore con toccate nave su quasi tutti gli scali di competenza e 35 mila passeggeri negli ultimi sei mesi. Una timida ripartenza che, siamo certi, già dal prossimo anno ci riporterà vicino agli entusiasmanti volumi di traffico del periodo pre-covid”.  

 

Post recenti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca